Io vengo da isole che non ci sono, da oceani che diventavano voragini profonde fra me e il mondo,
da arterie che combattevano la solitudine battendo alla porta del cuore, con insistenza,
ma ormai, non trovano pace, nemmeno in un naufragio.
Colleziono istanti, e con loro, tutto questo.

"I don’t know why it hurts, it just does”
— (via sincerelyhappines)

×××

(via fossilbird)
gliocchidileifissineisuoi asked: Oggi l'ho visto e sono stata così forte da riuscire a voltargli la faccia. Non pensavo di farlo.

Dicono che “il tempo guarisce” sia una realtà, in effetti a volte funziona.

Ti va di raccontarmi cosa era successo?

Anonymous asked: Ti racconto. Ti racconto di lui. Lui. Tutto. Il mio tutto. Era la mia" vittoria in un mondo di sconfitte". Aveva i capelli neri, ricci. Gli occhi grandi e marroni, di quel marrone che ti ci perdi dentro. Non era altissimo. Non vestiva all'ultima moda. Era sempre se stesso. Non leccava il culo a nessuno per questo era odiato. Lottai contro tutti per stare con lui. Quel l'amicizia tanto sudata da parte di entrambi. Ti racconto di quando ci dicemmo "ti amo". Ti racconto in un casino ciò che c'era.

E lui è ancora lì con te, vero?
Lottate ancora insieme contro tutti, vero?

Anonymous asked: It's just another night and I'm staring at the moon, I saw a shooting star and thought of you -T

T. there is no day in which I’m not thinking of you.
Moonless nights, rainy days or during a sunset, you’re always somewhere in my mind.

Indipendentemente ci sei, vorrei lo sapessi.

Raccontatemi

respiroanime:

Raccontatemi di un paio d’occhi
Raccontatemi di una cicatrice
Raccontatemi di quelle fossette
Raccontatemi di una mattina, di un pomeriggio, di una notte
Raccontatemi di certe mani intrecciate
Raccontatemi quello che volete

Perché serve sempre qualcuno a cui raccontarsi,
anche se ci si crede non capaci di farlo.

Fate scorrere le dita.

"Being a writer is a very peculiar sort of a job: it’s always you versus a blank sheet of paper (or a blank screen) and quite often the blank piece of paper wins.”
 Neil Gaiman (via feellng)
©